Mercoledì 22 Marzo 2017
Torna alla Home Page Stampa la pagina Contatta il Comune Accedi all'area riservata Accedi alle statistiche di accesso al sito Diminuisci dimensioni caratteri Dimensioni caratteri standard Aumenta dimensioni caratteri Alto contrasto   
Pubblicazioni Servizi di egovernment attivi Servizi di egovernment di futura attivazione Elenco Siti tematici Privacy Ufficio Relazioni con il Pubblico
Sei qui : Personaggi illustri

 

PERSONAGGI ILLUSTRI

Don Domenico Ambroggio,

nato nel 1815 da genitori minusieri di Saluzzo, fu parroco e maestro comunale di Brossasco dal 1843 al 1893. Osservatore attento della realtà locale, scrisse “Memorie storico – cronologiche (Italia – Piemonte – Saluzzo – Brossasco) per Ambroggio D. Domenico Prevosto e Vicario Foraneo”, manoscritto conservato nell’archivio parrocchiale. Morì a Brossasco il 27 febbraio 1893.

 

Giacomo Paolo Reynaudo

Nato alla borgata Duranda di Brossasco il 28 aprile 1888, visse per molti anni a Firenze. Giornalista e letterato, esordì nel 1916 con un gruppo di poesie raccolte nell’antologia “Poeti nuovi”. Nel 1925 assunse un ruolo di dirigente nella Editrice Bemporad Marzocco e nel 1948 divenne direttore del settimanale “Il Corriere dei Ragazzi”. Dal giornalismo battagliero più acceso divenne in quegli anni narratore per ragazzi. Pubblicò alcuni libri per ragazzi tra cui, nel 1946, la “Vita di Pierre” nel quale il Reynaudo, di famiglia contadina, racconta il tempo della sua infanzia, il lavoro, la scuola e i suoi sogni, trascorsa sulle montagne di Brossasco. Morì a Firenze 1l 25 maggio 1959.

 

Alberto Rinaudo

Scultore, nato nel 1937, vive a Brossasco, autore di numerose e pregevoli opere in legno e in pietra, autore nei primi anni ’80 del Monumento alla Pace di piazza Morbiducci, inaugurato il 15 marzo 1985 dal Presidente della Camera dei Deputati Nilde Iotti.
Giuseppe Beoletto. Nato nel 1935, vive a Brossasco, artigiano e imprenditore mobiliere, dopo l’apprendistato e l’esperienza maturati nelle botteghe artigiane di Saluzzo, di Torino e della Brianza, iniziò negli anni ’60 a produrre in proprio a Brossasco i tradizionali mobili rustici in legno nello stile “Valvarata”. La sua iniziativa ebbe un grande successo e numerosi suoi allievi, divenuti a loro volta imprenditori, contribuirono alla nascita di nuove aziende e allo sviluppo economico del paese e dell’intera Valle Varaita. Di questo stile il Beoletto ne intuì le potenzialità, colse le origini culturali di un mobile che aveva una forte identità con il territorio e iniziò a produrre manufatti disegnati con degli elementi che riportano ai mobili rustici originari della valle.

© 2014 Comune di BROSSASCO - Tutti i diritti riservati - I contenuti del sito sono di proprietà del Comune. - CMS Città in Comune by LEONARDO WEB - MANTA (CN)

COMUNE DI BROSSASCO
Piazza Costanzo Chiari, 15 - 12020
Tel. 0175.68103
Fax 0175.68388
Email: Invia una email ...
Posta Elettronica Certificata: Email Certificata P.E.C : Invia una email certificata ...
Codice ISTAT: 004033
Codice catastale: B204
Codice fiscale:
00523760049
Partita IVA:
00523760049
IBAN (per i vostri bonifici bancari):
IT73Y0311146630000000003865
Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie al solo fine di monitorare le attività del visitatore e poter migliorare i contenuti e l'accessibilità del sito stesso
Approfondisci Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento